Autore Topic: Extracomunitari SI o NO? La vera soluzione è la regolamentazione  (Letto 203 volte)

Offline Michele Dalessandro

  • Figli di uno Staff Minore
  • Full Member
  • *****
  • Post: 124
  • Karma: +5/-0
    • Mostra profilo
(Pubblicato anche sul Forum ufficiale)

La vera soluzione al problema dell'immigrazione clandestina: nè porte sprangate, nè porte spalancate, ma una seria regolamentazione dei permessi e un rigido controllo degli accessi.

Il concetto è chiaro: abbiamo bisogno di immigrati, ma che siano forza lavoro produttiva, e non emarginati o nullafacenti che si approfittino dell'assistenza statale, o che vadano ad ingrossare le file della delinquenza o della prostituzione. Di conseguenza non basta la buona volontà, ma è necessario instaurare una legislazione che sancisca ed implementi questo concetto.

Nel tentativo di dare un mio contributo concreto alla risoluzione del problema, ho stilato i punti cardine che dovrebbe avere una legislazione siffatta.
Certo qualche punto sarà da aggiungere, altri magari da modificare, ma sono convinto che l'impianto complessivo sia valido.

In estrema sintesi, per entrare nella UE bisogneebbe ottenere un permesso, tramite i seguenti passi:
- fare domanda
- documentare la propria identità
- avere una professione
- superare il relativo esame. Solo allora si entrerà in lista d'attesa, e si verrà inseriti nel collocamento.
- Solo quando ci sarà una richiesta, da parte del collocamento, della professionalità posseduta dal candidato, questo otterrà il permesso di ingresso nella UE.
All'ingresso, dovrà firmare un impegno contrattuale quinquennale di disponibilità al lavoro, ed altre clausole cautelative, non ottemperando al quale perderà il diritto di permanenza e sarà immediatamente rimpatriato.
Alla fine del contratto, se concluso felicemente, acquisirà la qualifica di cittadino UE.

Tutti quelli che si presentaranno alle frontiere senza permesso, o si saranno introdotti illegalmente, saranno immediatamente respinti.

Nel primo ciclo c'è il dettaglio della normativa.
Un argomento ancora da discutere è se estendere tutti questi diritti/doveri all'intera famiglia del richiedente.



« Ultima modifica: Luglio 01, 2016, 08:54:27 pm da Michele Dalessandro »