Se tutti i media agiscono così?

press_freedom

Per chi legge il blog di Beppe (http://www.beppegrillo.it/2014/11/passaparola_-_il_controllo_della_ue_sui_media_-_udo_ulfkotte.html), la domanda sorge spontanea: “se come affermato da più parti, tutti i media nessuno escluso, sono soggetti a pressioni più o meno esplicite, dalle varie lobbies finanziarie, politiche, corporations, apparati ecclesiastici, e chi più ne, ha più ne metta … allora noi di chi dovremmo fidarci? L’informazione libera è una delle tante utopie, come la DD, l’onestà, la pace tra i popoli, etc etc?

Il problema, come in matematica che richiede una risoluzione mediante calcoli che soddisfino alle condizioni specificate nell’enunciato, ed è di veramente difficile risoluzione. Seguìte il mio ragionamento … Se tutte le informazioni sono pilotate per qualche interesse da qualcuno al di sopra dei giornalisti, allora, non potrò fidarmi di nessun informazione o di nessun giornalista. E se non mi posso più fidare di nessun giornalista perchè nel bene o nel male è stipendiato da qualcuno, che a sua volta per stare sul mercato o prende finanziamenti pubblici come in Italia, o da un gruppo editoriale a cui parrebbe che dietro ci sia un partito politico od una lobby, allora non potrò avere mai una informazione libera, e scevra da ogni sospetto? Giusto? Ed allora dove posso attingere per avere una informazione indipendente, esente da controllo più o meno palese?

Dalla rete! E no, miei cari, perchè anche su internet ci potrebbero essere lobbies e giornalisti assoldati per indirizzarci come un branco di pecoroni verso i loro obiettivi … esistono isole felici?

Secondo alcuni “guru”, c’è una piccola possibilità … le persone comuni!!!
Come mi dirai? Un pinco pallino qualsiasi è più libero di giornalisti accreditati?!
Sì, e ti spiego il perchè brevemente. Poniamo che nel tuo paese, città, l’assessore alla sanità Tizio Caio sia sospettato di collusione con i fornitori dell’ospedale della tua città, per rifornire il tuo nosocomio di garze e siringhe scadenti,ed ad un prezzo sensibilmente maggiore di quanto effettivamente valga la merce. Dunque, i “colleghi” di partito inizieranno a tempestarti di attestati di “completa solidarietà e di assoluta certezza di un errore giudiziario o accanimento della magistratura perchè “pappa e ciccia” con la parte politica avversa”.
I suoi avversari politici affermeranno invece, che è tutto vero e rincareranno la dose con altre accuse e sospetti … e via discorrendo … ma a te che sei di una altra città, e che non hai contezza della reale situazione, di chi ti fiderai?
Dell’assessore o dei suoi avversari? I giornalisti si divideranno in colpevolisti ed innocentisti … e tu?
Ma se ogni cittadino “normale”, dice la sua su internet, le cose cambierebbero, perchè su internet si viene sbugiardati in pochi minuti, e gli altri “cittadini giornalisti per caso” porteranno altre informazioni sul caso e si sà, che se tanto mi da tanto … facendo la tara dei “Cittadini che potrebbero avere ineteressi”, perchè “affiliati” a questo o quel partito, vedrete che la massa farà trionfare la verità. non ci credete??? Volete un esempio?

I blog liberi come il nostro (M5S, M5Slab, etc etc) annientano in pochi minuti i “falsari” dell’informazione che siano professionisti o meno. Qualcuno potrebbe contestare questa affermazione, dicendo che dietro al blog di Beppe c’è la fantomatica organizzazione di Casaleggio … d’accordo, e con questo? A voi qualcuno nel bolg vi ha mai censurato un commento (se lecito e non sia contrario alle legge of course)???

A me no! E se mi guardo alle spalle, non vedo nessun emissario di servizietti segreti o lobbista! A parte lo schienale della mia poltrona dietro alle mie spalle non c’è proprio niente. E così credo di voi! E come si dice in Francia: “à la prochaine fois”.

“V”

Discorso all’Europa di Beppe

Grillo-6752

Avete visto il video del suo discorso, davanti al Parlamento Europeo? Sono 36 minuti, ma spesi bene!
Spero di fare una sintesi corretta. L’Europa è governata da banchieri che senza alcun rimorso o remore, ci schiacciano economicamente e politicamente. Chi tira le fila? La capofila è la Germania, con alle spalle lobbies finanziarie ed industriali. Chi hanno messo a capo della commissione europea? Juncker. Chi è costui? L’ex premier del Lussemburgo (paradiso fiscale) … e lui viene a dirci che dobbiamo tirare la cinghia?!?! Inoltre, il parlamento europeo è una macchina mangiasoldi … si chiedono sacrifici, mentre loro spendono e spandono allegramente … ecco perchè i parlamentari temono i pentastellati … loro dicono tutto senza paura delle conseguenze … da quando siamo nell’euro tutti i parametri sono peggiorati … noi siamo gli unici ad avere milioni disoccupati, ma non il reddito di cittadinanza …
Beppe si dice fiero di essere contro tutto il sistema, contro l’euro, non l’Europa … persino gli economisti i nobel, ci dicono in privato che dobbiamo uscire dall’euro il più presto possibile, altro che! Un disoccupato costa 10 mln l’anno “socialmente”, e noi, non ce li possiamo permettere. La gente è disperata … i vari occupy, indignatos, M5S, spingono per salvare e rinnovare la società, mentre il potere è difeso solo dalla polizia … ma senza di noi chi avanzerebbe in Europa? I nazzisti, gli alba dorata! …
I nostri parlamentari sono elogiati dagli altri parlamentari perchè loro fanno anche le ore piccole per capire le cose … la mafia è in Germania, in Europa, agisce in Borsa, è nell’economia. Mentre voi di cosa vi preoccupate? Di cambiare le regole in corsa!!! C’era da nominare un vicepresidente per una commissione e voi cosa avete fatto? Avete cambiato le regole in corsa, perchè sarebbe toccato ad uno del nostro gruppo parlamentare!!! Noi siamo europeisti veri, ma proprio per questo che dobbiamo rifondare l’Europa … Non fidatevi della stampa, perchè manipola la informazione! Siate giornalisti voi stessi!

*** Mentre alcuni giornalisti europei ponevano domande a Beppe, un italiano lo contesta duramente e fuori luogo … Beppe reagisce e dice che “siete voi della stampa che siete più responsabili dei politici … e meno male che i vostri giornali stanno chiudendo e che non prenderanno più i contributi pubblici … quando sarete degli organi di stampa libera, io risponderò alle vostre domande”

Volete scommettere che articoli usciranno su questo discorso? Verrà riportato solo l’acceso botta e risposta con il giornalista, che altre fonti di stampa riferiscono, che parrebbe non estraneo al Pd … diranno che Beppe era d’accordo con i nostri alleati delo Ukip, per ricevere quei complimenti ( a mio parere sinceri) e …

e di tutti i 36 minuti e delle verità che gli ha “vomitato” addosso? Nessuna traccia … vogliamo scommettere?

Abbasso il Re! Abdicherà?

Napolitano_1111

Tanti anni fa, i Re divenivano tali non per voto ma per discendenza. In Italia, ora, abbiamo formalmente una Repubblica, ma molti ritengono che in pratica, parrebbe assomigliare più ad una sorta di Duarchia moderna che ad una Repubblica vera e propria.
Provate ad immaginare:  sostituite il vecchio Re con un Presidente della Repubblica; ed il primo ministro, con il Presidente del Consiglio … et voilà et  rien ne va plus, le jeux son faits!
Il Pres. della Repubblica chi lo elegge?
Il Pres. del Consiglio chi lo elegge?
I parlamentari chi li elegge?
Il popolo direte voi, siamo in una repubblica! Ed invece vi dimostro che non è così automatico … sarò breve … ;-)
In Italia il presidente della repubblica è eletto dal parlamento in seduta comune, cioè da Senato e Camera riuniti. All’elezione partecipano anche i 58 delegati eletti dai consigli regionali.
Chi elegge i delegati regionali?
I delegati regionali  o grandi elettori, devono essere scelti in modo da escludere il rischio che anche le minoranze non siano rispettate.  Di solito è consuetudine che i consigli regionali scelgano uno dei tre delegati tra i banchi dell’opposizione, mentre gli altri due sono scelti tra le cariche principali degli organi regionali: il presidente della regione, il vicepresidente della giunta, il presidente del consiglio regionale o il capogruppo del partito di maggioranza. L’anno scorso, tra i 58 delegati regionali eletti non c’era nessun rappresentante del Movimento 5 stelle!!!
Chi decide chi saranno i grandi elettori?
Sono i consigli regionali riservano uno dei tre delegati all’opposizione, mentre gli altri due sono scelti tra le cariche principali degli organi politici regionali: la scelta cade di solito tra il presidente della regione, il vicepresidente della giunta, il presidente del consiglio regionale o il capogruppo del partito di maggioranza in consiglio. Il delegato della Valle d’Aosta è di solito il presidente della regione.
Chi è Pres. della Regione?
Chi solitamente era capolista alle votazioni regionali
Chi è capolista regionale?
Chi viene deciso dalle segreterie dei partiti …
Chi votate alla camera o Senato?
Chi le segreterie di partito  decidono  di mettere in lista (nazionali,regionali,provinciali, comunali)
Chi assieme ai Grandi Elettori vota per il P. della Repubblica?
Quando sono al completo, l’assemblea che elegge il presidente è composta da circa 1.007 persone: 630 deputati, 319 senatori (315 più i  senatori a vita Carlo Azeglio Ciampi,  Emilio Colombo e Mario Monti, etc etc …) e 58 delegati regionali.
Quindi??? A parte il M5S, quanti di questi avete votato “effettivamente” (messo una croce sul loro nome)? Quanti sono il risultato di accordi all’interno delle segreterie di partito???
Nessuno a parte quelli del M5S! Quanti del M5S hanno partecipato alla elezione del PdR? Ergo, la maggiorparte dei votanti alle prossime elezioni non sarà effettivamente derivato dal tuo significativo concorso …Quindi???
Rieleggeranno un esponente dell’Ancien Régime?

Ps: Scusate ma ho dovuto sintetizzare alquanto per essere leggibile, se ho commesso qualche inesatezza od errore, sono pronto a rettificare. Non sono un politico (menomale). ;-))

Anno 2016, Italia in default, nascerà Italica

cropped-sfondo.jpg

Non chiedetemi chi mi ha raccontato questo… è un segreto! Posso solo dirvi che è un medium e prevede il futuro !

Ma andiamo per ordine… ecco cosa mi rivelato mentre il suo sguardo era perso tra le pieghe del tempo.. “Dopo la primavera del 2015, i tumulti popolari si sono moltiplicati a macchia d’olio in Italia. Ed a Gennaio, prima le piazze più calde del Meridione, Napoli, Palermo, poi Roma e il Veneto ed il Piemonte, dove cittadini Italiani disoccupati e licenziati si sono finalmente uniti agli studenti (quelli rimasti e non ancor emigrati), hanno iniziato ad occupare Municipi e piazze. Alcuni tra i più esasperati hanno creato palizzate improvvisate con bidoni dela spazzatura, auto e motorini, ed hanno preso possesso di alcune strade, applicando alla lettera l’arte della guerriglia urbana: piccoli incendi e devastazioni che spingono le forze del’ordine a correre sù e giù per la città per sedare le rivolte, inutilmente, perchè neanche il tempo di arrivare,  ecco che è scoppiata un’altra sommossa dalla parte opposta della città… e via di corsa…
L’Europa versa lacrime di coccodrillo, visto che la sua scellerata politica di austerità (povertà di massa suona meglio), ha ridotto sul lastrico milioni di persone. E che cosa tira fuori dal cilindro? L’ennesima trovata: inviare reparti di pronto intervento europeo, reparti di fanteria meccanizzati atti a reprimere anche con la forza, i focolai di rivolta. Lo Stato Italiano ormai è tecnicamente decaduto, allo sbando e in bancarotta: scuole, università, ospedali, e persino forze armate, sono senza stipendio da mesi … si lavora solo per spirito di solidarietà tra cittadini. La nostra Nazione è precipitata in un caos senza più possibilità di ritorno… ma i parlamentari del M5S, hanno una soluzione: abbandonare l’Italia, per fondare “Italica”. Una nuova nazione che si fondi su una costituzione scritta dal M5S. Una nazione migliore ed onesta, dove lo Stato gestisce la scuola, la sanità, i trasporti e lascia ai privati solo i servizi non essenziali, terziario e manifatturiero.
Tutta l’isola (sì, perchè è un isola) è gestita nel massimo rispetto dell’ecologia e dell’ambiente: fonti energetiche biocompatibili, energia latente delle onde marine, eolico, solare, etc etc … tutto è costruito in materiali veramente biologici… riciclo del 100% dei rifiuti … ed ancora scuole, ospedali, e ministeri gestiti da volontari prestati alla politica per il bene comune… giardini pubblici, wi-fi gratis … e tanto altro pagato con tasse eque, da generosi sponsor e magnati pentiti dell’industria … inoltre, chi vuole può contribuire col proprio lavoro (sei muratore? Costruisci gratis una casa … sei insegnante? Insegna gratis a scuola)… tutto funziona… senza corruzione o inciuci di sorta. Il presidente della Repubblica è …Beppe Grillo ! Presidente del consiglio è Di Maio, Min. della Giustizia Travaglio, della Sanità… Gino Strada !”

Bene, avete letto?
Italica è il luogo ideale in cui vivere… ma vale la pena aspettare che la nostra Italia debba per forza arrivare al collasso per vivere in un posto così ?… Io dico che non è ancora troppo tardi quindi… sveglia !

Italia 2014 vs Italia 1880

circomassimom5s

Le tre giornate di Roma sono state bellissime! La presentazione delle nuove leve del M5S, le conferme dei “legionari” della vecchia leva, l’entusiasmo della gente … e poi c’era lui, Beppe Grillo: il catalizzatore. La persona che ha fatto quello che molti altri politici non sono mai riusciti a fare in Italia, se non per breve tempo: un nuovo modo di pensare ed agire per rifondare la Repubblica Italiana oramai dilaniata e da orde di lupi famelici ed un ottocentesco sistema di potere che si regge disincantato individualismo dell’italiano medio, non disgiunto dal controllo totale dei media (tv, radio, giornali, quotidiani, periodici, e persino testate on line!). Chiunque sano di mente avrebbe gettato la spugna ed abbandonato la nazione … tanto qualche soldo da parte lo aveva già … ma lui non è come gli altri. Assieme a Casaleggio ed altri, ha creato il Movimento. Tutte le altre considerazioni le lascio a voi lettori.
Per me è fantastico, ha creato con degne persone come noi, dal nulla, un moVimento unico al mondo; una volta che se ne fa parte, difficilmente se ne esce … valori, impegno, ideali e … soprattutto la possibilità di uscire da questa crisi sì economica, ma soprattutto morale e di civiltà.

Ma qual è la domanda che tutti stranieri (e non?), si pongono?
“Ma come fate voi Italiani a sopportare tutto quello che il Stato-Sistema vi combina?”

Le risposte sono molteplici ed affondano nelle nostre radici storiche e socio-politiche-religiose.
Ma tant’ è …
Se non sono emigrato e per “colpa/merito” vostro! Di queste persone magnifiche che siete.
Siete l’anima del moVimento 5 stelle.

Ma ciò che mi spinge a scrivervi è per segnalarti alcune frasi di un un libro che ho letto,
Tu ti chiederai caro lettore, ma perchè è così importante?
Perchè, se come immagino accadrà, ne rimarrai stupefatto, se non nauseato e ti darà un’altro spunto per combattere contro il sistema …

Starai pensando visto il titolo del mio articolo: 1880?!?! – Esagerato!-. Invece no! E’ attualissimo! Vedrai!

Cito dal libro: … “Tutt’altra Italia io sognava nella mia vita, non questa miserabile ed umiliata all’estero ed in preda alla parte peggiore della nazione. Guardandosi intorno altro non vedeva che apatia, discordia ed immoralità in ogni aspetto della vita. I giornali erano corrotti, così le elezioni, il parlamento stesso, la magistratura, l’amministrazione, le forze armate. Il Re (si potrebbe sostituire con: presidente della Repubblica) si serviva dell’esercito (forze dell’ordine)  non come d’una protezione dello Stato, ma per proteggere se stesso da una nazione indignata; il Parlamento serviva a tenere l’Italia MARCIA e con ciò facilmente governabile. In un discorso elettorale Garibaldi disse che il Re aveva deliberatamente ristretto i diritti del popolo e ridotto i suoi sudditi ad un livello più basso di prima – tanto che ormai solo un dittatore dal polso d’acciaio avrebbe potuto rimettere le cose a posto.”
Questa era la situazione dell’Italia nel 1880!!!!! A me pare che sia una fotografia perfetta dell’attuale baratro in cui è caduta la nazione. Che ne pensate? Il libro dal quale ho preso la citazione é: “Garibaldi” di Denis Mack Smith edito dalla Oscar storia – Mondadori.

P.S: Avete notato che tutti i padri della patria iniziano per G? Garibaldi, e Grillo of course! Grazie per tutto quello che fate, e ciao da “V”