TzeTze – Liberarsene si può

ca-tzetze-600x399

Il Blog di Beppe Grillo ospita da un paio d’anni uno strano servizio di news chiamato TzeTze. Lo scopo iniziale di tale servizio, quando fu presentato in pompa magna nel 2011 tramite un post ufficiale di Grillo (http://www.beppegrillo.it/2011/07/tzetze_le_notiz.html), sembrava più che nobile, aggregare dal basso le notizie segnalate dagli utenti in modo da bypassare l’informazione asservita ai media di regime, incentivando la lettura di articoli di piccoli blog e siti indipendenti sparsi per la rete. Purtroppo da un giorno all’altro il tutto degenerò.. la Casaleggio Associati, proprietaria del servizio, cominciò a filtrare le news che gli utenti segnalavano per arrivare in poco tempo a news pubblicate quasi esclusivamente da loro (contraddistinte dalla dicitura “redazione”), caratterizzate da titoli intenzionalmente ingannevoli e sensazionalistici quasi sempre su temi relativi il Movimento allo scopo di intercettare l’attenzione del grillino medio e del suo mouse. Qui un esempio


Questo servizio “attira click” al limite del fraudolento costituisce uno dei tanti controsensi di questo Movimento. Un blog nato per fare una controinformazione onesta, indipendente e pulita si ritrova a dover dividere lo stesso spazio virtuale con un aggregatore di news il cui unico scopo è ingannare e fare profitto. Stanco quindi di questo continuo beffarsi della mia intelligenza e di quella di chi come me non ama molto farsi manipolare ho cercato un modo per uccidere il tanto odiato insetto e.. soluzione trovata ! Esiste un plugin per i maggiori browser internet chiamato Adblock Plus il cui scopo è proprio quello di bloccare la fastidiosa “spazzatura” del web.

Ecco cosa dovete fare:

Collegatevi al sito ufficiale di Adblock

https://adblockplus.org

Cliccate sul grosso pulsante verde per procedere all’installazione automatica; una volta fatto un iconcina rossa verrà posizionata nella barra degli strumenti del vostro browser, cliccate su di essa e sulla voce “Blocca elemento”, spostate il mouse sulla porzione di pagina recante il tanto odiato TzeTze, clikkate nuovamente e… Fatto !

La povera Casaleggio Associati da adesso dovrà contare su qualche click in meno.. :)

Attivista ed elettore del M5S

Come salvare il mondo ( e vivere felici )

peace

Ero indeciso se scrivere questo articolo, poichè il rischio di risultare superficiali trattando tutti insieme argomenti così complessi è alto.. ma eccola qui, la mia personale ricetta per rendere questo pianeta un posto migliore.

Premessa importante, non sono uno storico nè un economista, sono solo una persona semplice a cui piace usare la logica per trovare una soluzione ai problemi della vita, praticamente qualcuno a cui piace molto dilettarsi nell’antica arte del 2+2.

In questi ultimi anni trascorrendo parte del mio tempo ad informarmi tra tv, giornali e Internet spesso mi sono chiesto infatti come fosse possibile ancora oggi, con tutta la tecnologia e la conoscenza posseduta dal genere umano, patire sofferenze per problemi che dovrebbero essere risolti da un pezzo.

Una domanda che mi ha portato ad avere nel tempo una mia idea di quali siano i problemi fondamentali del nostro tempo e come si potrebbe fare per risolverli:

Sovrappopolazione. In assoluto il problema alla fonte di tutti gli altri mali del mondo. Responsabile ogni anno di milioni di morti per fame e malattie, ad esso possono essere ricondotti come conseguenze la sempre più pressante domanda di risorse alimentari, l’immigrazione, l’inquinamento sfrenato, il rischio sempre più elevato di pandemie. La cosa più tragica è che si tratta di un fenomeno che si autoalimenta dei danni che crea con il risultato di diventare nel tempo esponenzialmente sempre peggiore. Più non riusciamo infatti a tenere sotto controllo il nostro numero in quanto specie e più aumenta lo sfruttamento delle risorse naturali, e più sfruttiamo e impoveriamo tali risorse e più si avvicina la data della nostra estinzione. Mai sentito parlare dell’ overshoot-day ? Brevemente:

Dal 1987 su iniziativa della Global Footprint Network viene calcolato il bilancio annuale consumi/risorse. In base a questo calcolo si identifica il giorno dell’anno (Earth Overshoot Day) dopo il quale l’umanità consuma più di quanto l’ecosistema riesce a fornire o a riprodurre.

Il bilancio indica che questo bilancio è costantemente passivo. Nel 2011 il 27 settembre avevamo già terminato le quantità che il pianeta ci poteva offrire, quello che ogni anno consumiamo dopo tale data riduce irrimediabilmente le possibilità di produrre del pianeta.

Per chiarire meglio il concetto, ecco alcune definizioni provenienti dal documento esplicativo emesso dalla stessa Global Footprint Network.

  • “L’overshoot (letteralmente overshoot significa superamento, ndr) ecologico si verifica quando i bisogni umani superano la capacità rigenerativa di un ecosistema naturale. L’overshoot globale avviene quando l’uomo richiede più risorse e produce più rifiuti, come la CO2, di quanto la biosfera possa rigenerare e assorbire.
  • L’impronta ecologica misura la quantità di suolo e mare necessaria a produrre tutte le risorse che una popolazione consuma e ad assorbire i suoi rifiuti, avvaledosi delle tecnologie più comunemente in uso.
  • Biocapacità è un’abbreviazione di capacità biologica, vale a dire la capacità di un ecosistema di rigenerare materia biologica utile (risorse) e di assorbire i rifiuti generati dall’uomo.
  • L’Earth Overshoot Day, un concetto ideato da una fondazione britannica (www.neweconomics.org), è la data in cui la domanda antropica di risorse e servizi forniti dagli ecosistemi naturali in un certo anno supera la quantità che la Terra può rigenerare durante quello stesso anno. Da questa data in poi il bilancio va in deficit, poiché consumiamo riserve e accumuliamo rifiuti, soprattutto CO2 nell’atmosfera.”

Al livello attuale dei consumi (e soprattutto degli sprechi) l’umanità avrebbe bisogno di 1,5 pianeti come la terra. Nel 2050 avrebbe bisogno di 2 pianeti come la terra.

 

Nel 2011 il giorno di superamento delle risorse disponibili è stato il 27 settembre. Nei prossimi tre mesi sfrutteremo le scorte del passato e accumuleremo nell’aria nuova anidride carbonica, nuove quantità di risorse non rinnovabili si esauriranno

Guadate questa tabella presa da Wikipedia, riporta le date dell’overshoot day dalla data in cui è stato istituito fino al 2014

Year Overshoot Date
1987 December 19
1990 December 7
1995 November 21
2000 November 1
2005 October 20
2007 October 26
2008 September 23
2009 September 25
2010 August 21
2011 September 27[1]
2012 August 22
2013 August 20
2014 August 19

 

Capito ? Nell’anno 1987 l’overshoot day si è festeggiato il 19 Dicembre.. nel 2014 il 19 Agosto ! Quando arriveremo a festeggiarlo il 1° Gennaio ne deduco che l’umanità sarà ormai scomparsa da un pezzo.

Alla luce di ciò occorre trovare assolutamente il modo di riportare la popolazione mondiale entro numeri ragionevoli che possano risultare sostenibili per il Pianeta. Il problema è che l’incoscienza demografica è tipica dei paesi poveri del Continente Africano e Asiatico.

Ma perché le persone di questi paesi non usano sistemi contraccettivi che potrebbero salvarle da fame, miseria e malattie ? Ovvio, per carenza degli stessi, ma anche per motivi religiosi, ignoranza e stupidità. Qual’è quindi la soluzione ? Naturalmente il controllo delle nascite, ma imporlo con la forza è impossibile, dovrebbe essere il buon senso a far sì che ciò accada per mezzo di governi stabili ed evoluti che purtroppo questi paesi non hanno. Il primo passo quindi è stabilizzare queste zone del terzo mondo con aiuti di vario genere in modo che possano nascere e radicarsi tali governi. Per far ciò dobbiamo necessariamente reinstaurare vere democrazie nei nostri paesi occidentali, poichè i governi corrotti e falsamente democratici di Europa e Stati Uniti in questi anni hanno solamente lucrato e fomentato guerre e instabilità in questi luoghi per poterne tranquillamente rubare le risorse naturali, nell’interesse privato di una percentuale ristretta di popolazione ricca e potente che controlla i destini del mondo.

Religione. Che fantastica invenzione ! un accozzaglia di superstizioni, mitologia e brutti sogni spacciati per verità da sedicenti profeti (che magari la sera prima avevano esagerato con la peperonata) raccolte nei cosidetti testi sacri. Nella storia hanno causato una tale quantità di sofferenze e fatto probabilmente un numero di morti equiparabile solamente a quelli di malattie virali come l’AIDS. E non solo per l’odio religioso e le guerre sante che ne sono scaturite, ma anche per l’ostacolo sopratutto che hanno costituito per la ricerca scientifica e medica, ricerca che avrebbe potuto, se fosse stata lasciata libera di agire senza impedimenti morali di questo tipo, di migliorare enormemente la qualità della vita umana, invece che essere frenata appunto da gente “illuminata” portatrice di verità divine. Purtroppo le religioni e il potere che esercitano su di noi sono qualcosa che solo il tempo e la graduale presa di coscienza di noi stessi potranno ridimensionare. Questo potenziale e salutare ridimensionamento della fede però è minacciato da un aumento del fanatismo che potrebbe verificarsi nei prossimi anni a causa dell’inasprimento dello scontro religioso tra l’Islam e le altre fedi. Si può tentare di porvi rimedio ? Sì, ma occorrerebbe il coraggio di cassare definitivamente l’idea della società multireligiosa frenando o ancora meglio ponendo definitivamente termine ai costanti flussi migratori.

Immigrazione e Società Multiculturale. Trattandosi più di una conseguenza di altri fattori, potrebbe non sembrare un problema cardine, ma lo è, e vi dico il perchè. Rischia di far crollare le nostre Democrazie. Mi spiego meglio. I flussi migratori hanno il potenziale per spazzare via l’Europa così come la conosciamo. Questa paura viene e verrà usato sempre di più da gente spregevole allo scopo di prendere il potere. Se questo accadesse (ed è abbastanza certo) Il pericolo che si arrivi ad uno scontro di civiltà (leggi religioso) è reale e si avvierà sicuramente come sistema di autodifesa contro l’invasione straniera. Si dovrebbe capire che non tutti i popoli della terra infatti desiderano e sono portati per coesistere mescolati insieme in quella (mostruosa) concezione di società multiculturale / multireligiosa che a molti intellettuali piace tanto e il cui raggiungimento vogliono farci credere sia inevitabile. Se un domani dilagasse fino al punto di non ritorno l’intolleranza e l’odio per il diverso, e ne approfittasse un nuovo Hitler per prendere il potere, saremmo veramente nella #####. Davvero vogliamo rischiare che accada una seconda volta ? Non sono già morti in troppi in ben due Guerre Mondiali ? La società multiculturale e multireligiosa, fine ultimo del processo di Globalizzazione Capitalista che sta fagocitando storia, cultura e tradizioni dei popoli della Terra, è qualcosa poi che nessuno vuole veramente. Perchè mai, una persona nata in un certo luogo della Terra dovrebbe desiderare di abbandonare la sua casa e la sua gente, i suoi affetti, la sua cultura, per trasferirsi in un posto che non lo vuole e che gli è ostile ? Ovviamente sappiamo la risposta: povertà, guerre, difficili condizioni di vita, sicuramente non la voglia di venire a farsi insultare, disprezzare, vivere ai margini della società, sfruttare e odiare da chi si sente invaso dalla loro presenza. Trovare il modo di garantire a tutti le risorse necessarie per determinare il loro destino e vivere dignitosamente nel luogo in cui si trovano porrebbe fine ai flussi migratori. Il problema purtroppo è che tutt’oggi le grosse multinazionali depredano letteralmente le risorse dei più deboli, giocando sull’instabilità e la corruttibilità dei loro governi.. tutto per mero profitto. Le risorse depredate principalmente sono quelle di tipo energetico, e di questo parlerò più avanti, comunque abbiamo bisogno delle nostre democrazie per poter risolvere la situazione, e dobbiamo proteggerle affinchè si possa arrivare a farlo.

Capitalismo / Comunismo. Il dualismo tra questi sistemi economici ha segnato la storia moderna. Non ritengo nessuno dei due migliori dell’altro, in quanto rappresentano a mio avviso due estremismi, con più lati negativi che positivi. Qual’è quindi il sistema economico migliore ? Idealmente vi risponderei quello di Star Trek (non scherzo, guardatevi il film Primo Contatto) ma restando con i piedi per terra la risposta è una via di mezzo tra essi. Il capitalismo incentiva l’indole dell’uomo al successo personale costringendolo a dare il meglio di se stesso, ma porta anche ad uno sfruttamento della forza lavoro spesso a vantaggio del cosidetto capitalista e ad una immorale disparità di ricchezza fra diversi strati sociali. Il comunismo garantisce a tutti eguaglianza e stesse condizioni sociali, ma anche un appiattimento della società che porta chi vi ne fa parte a dare il minimo indispensabile, poichè non stimolato da quei fattori che volenti o dolenti sono appunto per l’uomo il motore principale.. ovvero il desiderio di benessere, ricchezza, successo personale, dominio sugli altri uomini, libertà. Lo Stato Sociale ritengo sia la risposta, in quanto il modo migliore per garantire libertà di impresa ai propri cittadini e ridistribuzione della ricchezza; in più dovrebbe essere accompagnato da strumenti come quello proposto dal M5S, ovvero il Reddito di Cittadinanza; lo Stato inoltre dovrebbe detenere sotto il proprio controllo strategico le infrastrutture vitali per la comunità. Altra cosa fondamentale, per combattere contro gli infausti effetti della globalizzazione capitalista, è il ritorno ai dazi contro tutti quei paesi che sfruttano la forza lavoro mettendo in crisi quella di altri paesi, i cui diritti sono difesi ma che si vedono delocalizzare le aziende per mete di questo tipo, magari non sempre per avidità ma per restare a galla e sopravvivere in un mondo globalizzato dove la concorrenza è sempre più spietata.

Energia. L’energia è la chiave di tutto. Senza energia non c’è la civiltà così come la conosciamo. Se il genere umano avesse a disposizione energia gratuita, pulita e illimitata si potrebbero mandare a fare in culo gas, petrolio, carbone: significherebbe non dipendere più dall’instabilità e volubilità delle regioni Medio-Orientali o da Multinazionali senza scrupoli come la Gazprom, spesso usata per ricattare e sottomettere i governi Europei. Niente più guerre, niente più inquinamento massiccio e immissione di gas serra nell’atmosfera, salveremmo il nostro futuro e quello del Pianeta; di più, anche il problema della scarsità di acqua potabile per i tutti quei Paesi bisognosi avrebbe soluzione con la costruzione di desalinizzatori che porterebbero alla conseguente costruzione di canali idrici per la coltivazione agricola. La svolta arriverà presto dalla fusione nucleare grazie al progetto ITER e al tokamak, o ancora meglio dall’Elio-3 lunare. Le fonti attuali di energia rinnovabile pur con tutto l’abbattimento dei costi di questi ultimi anni non sono ancora una risposta al problema, ma Centrali solari e Torri eoliche di nuova generazione potrebbero aiutarci nella fase di transizione verso la Fusione fredda, vero Santo Graal dell’energia. In definitiva con energia illimitata il genere umano avrebbe possibilità infinite di sviluppo, la pace duratura per noi tutti non sarebbe più un sogno.

Attivista ed elettore del M5S

Educazione e Civiltà

Italia-Giappone

Oggi “Renzie” all’evento organizzato dal giornale del suo partito (Repubblica) ha dichiarato

“Correggeremo gli errori sulla scuola”

Confesso di non aver letto il Disegno di Legge completo, e non so dirvi se sia o no una buona riforma e quali siano questi errori che hanno fatto incazzare mezza Italia, certo da quello che leggo in giro per la rete, cercando brevi riassunti ed estratti, sembra ci siano ragionevoli proposte e buone intenzioni.. ma.. il fatto è che manca sempre qualcosa di importante, in questa e in tutte le riforme scolastiche di questi anni.

Il problema fondamentale, oggi, e nessuno sembra capirlo, è un errata concezione di quello che la scuola dovrebbe essere (o ritornare ad essere) prima di tutto.

Una Nazione sono convinto infatti che per assicurarsi un futuro debba formare e disciplinare assolutamente le nuove generazioni.

Oggi la situazione è tragica, e non credo di esagerare. Branchi (sì uso il termine apposta perchè più simili ad animali che ad esseri umani) di ragazzi e ragazzini dai 14 ai 18 circa che si divertono a intimidire, vandalizzare, provocare, aggredire, fare casino senza nessun rispetto per il prossimo. Io non dico che si debba ritornare a plasmare le giovani menti fino al lavaggio del cervello come nel periodo Fascista, ma questa situazione non può continuare ad essere tollerabile. I ragazzi vengono lasciati allo stato brado, non si pensa altro che ad infilare nella loro testa sterili e inutili nozioni.. possibile che il ruolo della scuola si sia ridotto a questo ? Altro quindi che la buona scuola di Renzi.. qui ci vorrebbe una rivoluzione per un ritorno alle origini, di quando prima di tutto si pensava a “costruire” la persona, alla disciplina come elemento essenziale al fine educativo, e gli insegnanti erano rispettati e valorizzati.

Come ottenere tutto questo ? Alcune mie proposte:

  1. La scuola deve proporsi come luogo centrale della vita di un ragazzo, di conseguenza continuare dopo i normali orari di lezione con attività disciplinanti ed educative. Sport, pulizia dei locali della scuola affidata agli studenti, corsi di approfondimento a scelta, biblioteca interna per poter espletare i compiti lasciati dagli insegnanti. Sopratutto con i ragazzi più difficili, che sono stati cresciuti in famiglie difficili, in cui le figure genitoriali di riferimento non sono in grado di formare ed educare positivamente perchè magari a loro volta provenienti da famiglie problematiche, occorre spezzare la catena, tenendo questi ragazzi lontani il più a lungo possibile da esse e da situazioni e comportamenti dannosi per la loro crescita.
  2. Servizio Civile Nazionale obbligatorio, da espletare ogni anno per due dei tre mesi di vacanze estive.
  3. Corso di educazione civica obbligatorio, che concorra come altre materie alla valutazione finale dello studente a fine anno scolastico.
  4. Controllo delle presenze informatizzato, in modo che i genitori possano controllare se il figlio sia a scuola o meno.
  5. Controllo del rendimento scolastico informatizzato, in modo che sia possibile per i genitori verificarne il positivo andamento in ogni istante, e intervenire tempestivamente in caso contrario.
  6. Ultimo ma fondamentale. Il voto in condotta. Esiste ancora oggi ma non è usato come si dovrebbe, deve ritornare ad essere centrale nella valutazione scolatisca di rendimento. Allo studente non si deve più far passare senza conseguenze nessuna forma di abuso della pazienza e della dignità degli insegnanti o dei propri compagni (bullismo).
  7. Introdurre assistenza e consulenza psicologica gratuita per i ragazzi e gli insegnanti che ne avessero bisogno.
  8. Rigorosità educativa ma che sia premiata in varie forme, attraverso borse di studio, viaggi, ruoli di responsabilità all’interno della scuola.

Per finire, in tutto questo naturalmente il ruolo fondamentale ce l’hanno gli insegnanti. In Giappone, uno dei Paesi più civili del mondo, gli unici cittadini non obbligati ad inchinarsi davanti all’imperatore si dice siano proprio loro. Certo, il sistema scolastico lì è molto rigido, ma non per niente i Giapponesi sono famosi per essere un popolo estremamente rispettoso, educato e con forti valori. Premiarne quindi il lavoro allineando il loro trattamento economico agli standard Europei è fondamentale, con l’aggiunta dell’utilizzo di bonus e incentivi per l’impegno e la bravura di ognuno.

Spero che il M5S trovi il tempo per affrontare questa tematica valutando le idee fin qui proposte perchè le ritengo fondamentali per ritornare a vivere in futuro in un Paese civile, di cui si possa andare fieri nel Mondo.

 

Attivista ed elettore del M5S

L’Elefante nella Cristalleria

54344

Sicuramente è un problema ampio e complesso, che presenta mille confini tra il bianco e il nero ma.. datemi pure dell’insensibile, dell’ignorante, dell’egoista, al limite anche del leghista, io però mi sono veramente stancato di tutta questa massa di “migranti” che si crede legittimata ad invaderci violando i confini Europei e in particolar modo quelli Nazionali, e vorrei che si facesse seriamente qualcosa prima che la situazione precipiti e che bassi istinti e ideologie estremiste prendano il sopravvento: Lo so, già qualcuno starà pensando: “Ecco un altro fan di Salvini influenzato dai media di regime”.. no, assolutamente NO. Sono consapevole che l’Italia ha molti problemi e che quello dell’immigrazione è spesso stato usato e sbattuto in prima pagina sui giornali come spauracchio per manipolare il consenso e spostare voti, per distrarre l’attenzione sulle ruberie e malaffari della politica, ma non voler riconoscere un problema che ha creato, sta creando e creerà sempre di più sacche di razzismo e tensioni sociali è pericoloso. Lo so benissimo, quello dell’immigrazione è indubbiamente un problema che andrebbe analizzato nelle sue radici storiche e geopolitiche.. molti scappano da povertà, miseria e guerra, e hanno anche il famoso “diritto d’asilo”.. ma.. riflettete, possiamo mai farci carico del destino di tutta l’umanità ? che facciamo ? li accogliamo tutti ? ma allora sarebbe molto più sensato e onesto intellettualmente inviare delle navi cargo per farli venire qui in massa e in tutta sicurezza, invece che lasciarli morire e affogare in mare, no ? perchè è come dire a tutti questi poveri disgraziati che se riescono a sopravvivere a questa roulette russa della speranza e ad arrivare qui poi possono starci senza che nessuno gli dica nulla. A dir poco folle ! E considerato che i conflitti, le guerre, la povertà, nei paesi del terzo mondo dove queste persone vivono sono una costante da sempre è improbabile che la situazione migliori, anzi ! E quindi ? Saremmo obbligati moralmente ad accogliere milioni di persone ? Follia, lo ribadisco. Ed ecco un altra mia modesta osservazione: possono queste persone, questi popoli, pretendere di avere quello che noi Europei abbiamo conquistato in secoli di dedizione in termini di benessere e progresso, senza sudarselo a loro volta ? Sì, certo, c’è stato il Colonialismo, abbiamo invaso le loro terre in passato. Sì, certo, li abbiamo anche usati come schiavi. Mai scelta fu più scellerata. E se ci chiedessero dei danni da pagare sarei il primo a spingere perchè questi venissero quantificati e risarciti. Avevano un loro stile di vita, spesso a contatto e in equilibrio con la natura, le loro tradizioni. Cose nobilissime. Adesso invece associano il benessere e il progresso con il modo di vivere occidentale, e quel loro modo di vivere passato alla povertà, e piuttosto che sudare per costruire anche loro qualcosa di migliore, magari chiedendo il nostro aiuto (che sarei ben lieto gli venisse dato) preferiscono invaderci. Scusate ma lo ribadisco, è un comportamento a dir poco.. discutibile. La responsabilità purtroppo è in gran parte nostra, non avendo mai usato il pugno duro verso questa violenza, con i respingimenti forzati. Si sarebbero potute salvare migliaia di vite, perchè imponendo il messaggio che nessuno sarebbe potuto rimanere a nessuna condizione neanche ci avrebbero provato ad attraversare un deserto per imbarcarsi su un barcone per una traversata in mare a rischio della vita. Ma anche volendo porre il caso di aprire le frontiere (che già sono un colabrodo), cosa risolveremmo a farli restare qui ? non abbiamo nessuna capacità di assisterli, e ci sono già milioni di Italiani sotto la soglia di povertà di cui sarebbe già un dovere occuparsi. L’immigrazione e il mito dell’integrazione sono il modo migliore che ha un popolo per suicidarsi, praticamente è come fare entrare un elefante in una cristalleria, una cristalleria fatta di storia, tradizioni, cultura, usanze, delicati equilibri sociali ed economici. E’ follia allo stato puro ed è un problema pericoloso da ignorare, perchè ribadisco, può portare ad estremismi, anche di natura politica, mettendo a repentaglio la nostra democrazia in favore di qualcosa di più autoritario e meno tollerante. Siamo davvero disposti a giocarci tutto, a correre il rischio ? Non mi ridurrò a votare Lega ma spero che anche a Sinistra ci sia dia una bella svegliata su questo tema, e che non sia solo il Movimento 5 Stelle a darci un alternativa.

Attivista ed elettore del M5S

A chi appartiene il Movimento ?

grillovignetta

A chi appartiene il Movimento ? Una riflessione che Paola, del Meetup di Napoli, già si poneva tre anni fa, e che risulta più che mai attuale alla luce delle recenti espulsioni. 

“Stanotte mi rigiravo nel letto e pensavo di scrivere un post: E se Beppe Grillo morisse? Tutti a casa, il giocattolaio è morto, il gioco è finito? Poi stamani leggo la lettera che ha postato Fabio e noto che il concetto è un po lo stesso….la verità è che quello che Beppe non ha capito è che il M5S non è suo, non l’ha neanche inventato lui… lui ha solo colto un ESIGENZA, un bisogno, un idea che era sicuramente lì pronta per essere colta, un idea collettiva, la maturazione di un disagio, che era già vivo in mezzo a noi, lui l’ha saputa cogliere e organizzare: La fine di un era, la democrazia rappresentativa, l’inizio di un altra, la democrazia partecipata collettiva. Si chiama pensiero collettivo, succede, qualcuno può anche pensare di essere stato il primo ad averlo “pensato”, e forse c’è anche qualcuno che “lo pensa” per primo ma non si può dimostrare perchè senza avere il tempo di esprimerlo il pensiero è già stato detto da qualcun altro. Beppe è stato bravissimo a cogliere nell’aria questa esigenza ed è stato un bravissimo lanciatore a rilanciarla, in alto, sempre più in alto, perchè lui è un mago della comunicazione, è una forza prorompente del palcoscenico, un vulcano di idee e di intuizioni, ma devo dargli una cattivissima notizia: il MoVimento non è suo. Il MoVimento è delle migliaia di persone che si sono buttate dentro questo progetto a piene mani, tralasciando lavoro vita e famiglia, per il lavoro, per la vita e per la famiglia. Nessuno è stato precettato assunto, assoldato,…nè invitato ad un party. Questa è una faccenda seria che seriamente va salvaguardata e difesa e protetta dai continui attacchi e possibili devianze, ha ragione! Ma non può che essere la rete a tutelare il MoVimento. Che non appartiene ad altri che a se stesso, e alla comunità che lo anima. Come abbiamo sempre detto, la rete non mente e alla rete non si può mentire; deve vigilare e decidere E PRENDERE DECISIONI. Dovremo trovare le modalità di democrazia deliberativa partecipata attraverso il web perchè questo avvenga, non possiamo rifugiarci sotto l’ala protettiva di un Padre Padrone. Lasciare il Giudizio nelle mani di Uno Solo non potrà mai essere una cosa giusta. Chiunque esso sia. E’ la comunità che deve vigilare, denunciare, isolare “l’erba cattiva” se questa verrà a crescere nel nostro giardino…Anche un figlio non ci appartiene, dobbiamo rassegnarci a lanciarlo come fa un arco con la freccia, il più lontano possibile da noi; persino un libro, un film, un quadro una volta realizzati vivono di vita propria, perchè sono frutto comunque, è difficile capirlo, di un opera collettiva, della collettività che ci alberga dentro e ci permette di concepire quell’opera! Dell’essenza del nostro tempo che ci detta quel libro e quel quadro e quel film… Cos’è il MoVimento senza Grillo, ma soprattutto cos’è Grillo senza la comunità che anima il suo MoVimento?”

Fonte: http://www.meetup.com/Gli-amici-di-Beppe-Grillo-di-Napoli/messages/boards/thread/21103052/10#68756932

Attivista ed elettore del M5S

Strategia o coerenza ?

incontro_renzi_grillo

Il Movimento Cinque Stelle si è sempre prefissato di non fare accordi con nessun partito, in quanto il sistema dei partiti come sappiamo ha portato alla rovina il Paese, e si è sempre tirato fuori (fino ad oggi) dai giochi di palazzo per preservare la propria “purezza”, dichiarando che avrebbe concesso il suo appoggio solo nel merito delle singole proposte. Nobile intento senz’altro.

Personalmente è anche per questo che ho votato per il Movimento (e Grillo), per la coerenza su questo punto, coerenza che contribuisce a rendere il Movimento unico e rivoluzionario. Ma.. c’è da dire che io sono un privilegiato nonostante i tempi, perchè pur non lavorando ho la fortuna di avere un tetto sopra la testa e dei genitori con un posto di lavoro fisso che pensano al mio sostentamento. Quindi posso anche permettermi di fare il duro e puro, come anche Grillo pretende di fare. Ma.. e quelli che se la passano peggio di me e che hanno votato il Movimento per il suo programma, magari nello specifico per quel famoso reddito di cittadinanza ? Pensate che siano contenti dell’operato dei 5 Stelle ? Cosa andrà a raccontare loro Grillo la prossima tornata elettorale, sui risultati concreti e importanti raggiunti ? Non molto a mio avviso. Certo, grazie al Movimento siamo riusciti a mettere provvisoriamente Berlusconi fuori dal Parlamento.. abbiamo portato maggiore trasparenza nelle istituzioni piazzando un faro sui loschi affari del Palazzo.. contribuito ad un ricambio generazionale con persone giovani ed oneste e una grandiosa ventata di moralità.. ma quanti di quei strategici risultati promessi, cioè risultati che gli Italiani in difficoltà considerano concreti in questo momento per le loro vite, sono stati appunto raggiunti ? Aiutatemi perchè sinceramente a me non ne viene in mente neanche uno.

Un segnale a conferma di quanto sostengo si è avuto con il sì alla partecipazione delle consultazioni con il nuovo Governo di Renzi, la vittoria della maggioranza della base certificata dei cinque stelle di chi voleva discutere nel merito delle questioni, trovare un intesa su punti importanti.. risultato che Grillo non si aspettava e che ha fatto finta di rispettare, sabotando nei fatti l’incontro con un lungo monologo in stile “vattene a fanculo”, per salvare dal suo punto di vista l’integrità del Movimento.

Il problema è che per riuscire a rivoluzionare il nostro bel paese, senza coalizzarci e fare accordi con nessuno, occorrerebbe raggiungere un ruolo di Governo con una percentuale di voti che ci garantisca la piena autonomia decisionale. Certo alcuni penseranno che sia fattibile per un Movimento che in pochi anni ha superato il 20% dei consensi, ma io sono più pessimista.. e per il ragionamento fatto prima credo che il picco massimo sia stato raggiunto, che da qui in avanti non faremo che calare in popolarità. E anche se arrivassimo a conquistare quella percentuale di voti necessaria per governare da soli.. quanti anni ci vorranno prima di riuscirci ? L’Italia dovrebbe fallire minimo per far si che anche gli elettori masochisti degli altri partiti aprano gli occhi e ci diano il loro voto. Possiamo permetterci di aspettare tanto e di arrivare al fallimento della Nazione ?

Spero di essere smentito. Magari il carisma e il potere di persuasione di Grillo farà il miracolo, desterà il Partito del “Non Voto” dalla rassegnazione e dalla sfiducia, o riuscirà a portare via altri voti ai partiti tradizionali.

A volte penso che la purezza ok sia una cosa nobile.. ma che in questo Paese (e Mondo) non sia una cosa a cui gli Italiani (almeno la maggioranza) dia molto valore. Per questo forse dovremmo cominciare a pensare in termini più strategici, rassegnarci a sporcarci un minimo le mani per portare a casa qualche risultato importante. Il peggio che potrebbe accadere tentando qualche accordo, magari per mettere fine a quel disastro economico-ambientale della TAV, sarebbe un rifiuto di chi ha il potere, ma a quel punto il Re sarebbe nudo, e avremmo conquistato (dirottandoli su di noi) voti di quel partito.

Attivista ed elettore del M5S

Il potere ai cittadini

DigitalDemocracy

Pensate.. una vera e piena democrazia digitale basata sul web. Un sogno che molti di noi accarezzano da quando il Movimento 5 Stelle ha avvicinato i cittadini alla politica, coinvolgendoli in prima persona.

Un sogno che non è detto che resti tale.

Se un giorno il M5S dovesse arrivare a governare (finalmente) il nostro Paese, ecco come potrebbe renderla reale.

Strumento che ritengo fondamentale per arrivare a questo obiettivo è quello della petizione online.

Prima qualche chiarimento, leggendo quanto spiega Wikipedia, in base alle finalità, è possibile classificare le petizioni come:

  • precettistiche, se invogliano il legislatore ad approvare delle norme che colmino un vuoto legislativo (vacatio)
  • di sensibilizzazione, se hanno lo scopo di focalizzare l’interesse del destinatario su una particolare tematica
  • abrogative, se invogliano il legislatore ad abrogare una determinata norma giuridica

La legge italiana prevede:

Un minimo di 50.000 firme per depositare un disegno di legge in Parlamento, inoltre le firme devono essere prima validate dalla Corte di Cassazione.
Un minimo di 500.000 per indire un referendum abrogativo, inoltre le firme devono essere prima validate dalla Corte di Cassazione.
Per finalità di sensibilizzazione non esiste invece un valore-soglia da superare, o la necessità di convalida delle firme.

In questi ultimi anni, grazie ai progressi tecnologici e informatici, è stata inventata la cosidetta “firma digitale”, un particolare tipo di firma elettronica qualificata basata su un sistema di chiavi crittografiche (per saperne di più andate su Wikipedia). L’ordinamento italiano ha ormai equiparato la firma digitale a quella chirografa, e ogni cittadino può ottenere una firma digitale per certificare la propria identità. Tuttavia, non esiste un sito web istituzionale per la raccolta di petizioni con firme digitali, e per l’esercizio del diritto di petizione via Internet.

Le petizioni online quindi non hanno valore legale ma sono portate avanti unicamente con finalità di sensibilizzazione. Per avere valore legale esse devono essere firmate tramite firma digitale, ma ad averla ad oggi sono in pochi, perchè il processo per ottenerla richiede le solite lungaggini burocratiche e non è sentita come utile dalle persone.

.. Pensate però se ogni cittadino italiano avesse una firma digitale ..

Chiunque di noi potrebbe portare avanti una sua petizione perchè non ci sarebbe più bisogno di avere alle spalle una qualsia voglia organizzazione ! addio volontari, certificatori, permessi da richiedere per l’occupazione del suolo pubblico, addio a tutti gli ostacoli che ci sono sempre stati per impedire a noi cittadini di far sentire la nostra voce, le firme potrebbero essere facilmente raccolte con la garanzia della piena autenticità.

Quindi alla luce di quanto detto, come introdurre una prima forma di democrazia diretta nel nostro Paese ? Prima di tutto si dovrebbe garantire ad ogni cittadino italiano una connessione a Internet pubblica e gratuita. Successivamente si dovrebbe assegnare ad ogni cittadino italiano un identità digitale certificata; ovvero lo Stato dovrebbe essere obbligato per legge a dotare ogni cittadino italiano di un indirizzo di posta certificata e di una firma digitale (magari al compimento del 18° anno di età). Per finire introdurre l’obbligo di discussione e votazione per le leggi di proposta popolare in Parlamento.

Idea folle ? probabile, ma credo comunque che sia fattibile, sempre che ci sia la reale volontà di dare il potere a noi cittadini.

Attivista ed elettore del M5S

Riflessioni notturne

keep calm and be italian italiani in danimarca essere italiani all'estero

Gli Italiani.. che strani che siamo.

Accettiamo qualsiasi tipo di vessazione, inefficenza, ingiustizia.. magari protestando per un pò ma finendo alla fine per il rifugiarci nell’apatia e nella rassegnazione, preferendo tirare a campare e pensare agli affari nostri e al nostro interesse quando ne abbiamo l’occasione, piuttosto che al bene della collettività. Dubito che cambieremo mai, siamo un cane al massimo che abbaia ma non morde.. dateci poi una partita di pallone, qualche bel culo su cui sbavare, il cinepanettone a Natale, e staremo buoni. Certo, le eccezioni ci sono, ma il fatto di esserci fatti comandare e vessare da questa politica corrotta e mafiosa per decenni, e che non si sia colta in massa un occasione fantastica di cambiamento e rivalsa come il M5S (certo, si è preso il 20%, ma avremmo dovuto spazzare via i partiti con un 100%) è a dir poco scoraggiante. Di conseguenza, è logico pensare che il vero nemico di questa nazione sia il suo popolo.

Io invece vorrei andare fiero del mio essere Italiano, e mi dispiace non riuscirci. Perchè questo sfogo ? Per un “nulla”.. Oggi ero in zona centro, c’era un gruppo di turisti che ascoltava la loro guida mentre questa probabilmente raccontava la storia della mia città.. e nel frattempo vedevi una zingara che dava loro fastidio chiedendo insistentemente l’elemosina con i bambini al seguito per impietosire, due cani randagi messi lì a prendere il sole, spazzatura per terra e indiani ovunque con le loro bancarelle e la merce da due soldi.Mi sono vergognato.Si ok, direte voi, abbiamo un grande passato, una grande storia, una grande cultura, grandi monumenti.. tutte cose che ci ricordano quanto siamo stati unici nel mondo, fondamentali. Ma sono appunto onori e storia e cultura che abbiamo ereditato dai nostri predecessori. Noi, per cosa saremo ricordati ? Per Berlusconi, la sua scarsa morale e i suoi milioni di elettori ? per le trattative Stato – Mafia ? perchè la nostra squdra di calcio (il cui totale degli stipendi dei giocatori dovrebbe farci gridare vendetta) vince un campionato ? Per una Salerno – Reggio Calabria che è da 50 anni che dev’essere terminata quando altrove tirano su un grattacielo in un battito d’ali ? per le montagne di immondizia a Napoli fotografate dai turisti ?Ma come si fa ad avere così poca stima di noi stessi da sopportare tutto questo ?

Il “poteva andarmi peggio” di Gaber non mi basta più, vorrei una rivoluzione per Dio, che si arrivasse ad un punto di rottura, che si dicesse “Ora basta ! Ci siamo rotti i co******!”, che si prendesse coscienza del nostro potere, il potere di unirci dando il meglio di noi stessi per ritornare ad essere invidiati nel Mondo, e non più derisi.

Ma tanto lo so che non cambierà mai niente.

Attivista ed elettore del M5S

M5SLab !

logo

M5SLab è un laboratorio di idee, finalizzato a sperimentare e testare l’utilizzo degli strumenti informatici che la rete offre, allo scopo di metterli a disposizione del MoVimento 5 Stelle per rendere effettivo l’art.4 del Non Statuto: “…realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico…” tra i suoi iscritti e sostenitori. L’obiettivo è quello di costruire un sito di riferimento nazionale per praticare, dal basso, la democrazia liquida, per produrre idee e proposte programmatiche, attraverso l’intelligenza collettiva, cercando di dare una soluzione organica ai problemi irrisolti del Paese.

Il gruppo di lavoro M5SLab – Laboratorio per la Democrazia Diretta – è nato dunque come libera e spontanea aggregazione di attivisti del M5S, riuniti nel tentativo di non disperdere le migliaia di proposte ed idee della base, cercando in questo modo di semplificare il compito dei portavoce eletti al Parlamento. Con la speranza che il lavoro svolto venga preso in considerazione dallo staff del MoVimento, al fine di implementarne gli attuali strumenti di Democrazia Diretta.

Attivista ed elettore del M5S