Fenomeno migratorio: cui prodest

foto_immigr45

Oscar Wilde scrisse che non esistono domande indiscrete, ma soltanto risposte indiscrete. Quindi è lecito domandarsi, magari in forma di ipotesi, chi sostiene l’immigrazione per ragioni d’utilità, ricoprendole con il velo merlettato della filantropia.

Nei mezzi di comunicazione italiani è assente un dibattito rilassato e ragionevole sul fenomeno, in quanto si tende a confondere determinate categorie, quali quella di profugo e clandestino, per concedere all’opinione pubblica chiavi interpretative semplificate alle quali aderire senza particolari sforzi cognitivi. Se agli occhi della sinistra tutti i migranti sono profughi che scappano dalla guerra e dalla fame, a destra tutti gli immigrati sono clandestini che approfittano della nostra ottusa benevolenza per sbarcare il lunario. Eppure, su un punto i due fronti si ritrovano d’accordo: a beneficiare dell’immigrazione sono prima di tutto gli stessi immigrati. Questa ovvietà, in quanto tale, non è esaustiva, poiché finisce per avallare l’impalcatura delle giustificazioni umanitarie, e pertanto, chiunque sostenga la politica dei respingimenti subisce l’accusa di essere inumano, il termine più in voga in realtà è razzista, dal momento che si oppone al benessere di un altro uomo. A volte, però, l’idea del bene partorita dall’astrazione, alla resa dei conti con la realtà, rischia di cadere nella contraddizione secondo la quale, per fare del bene a tutti, è necessario fare del male a qualcuno. Una concezione così malsana del bene si è palesata nella storia innumerevoli volte, tuttavia sembra che qualcuno non ne riconosca i tratti del volto, semplicemente perché essa ha cambiato veste. Ma allora sorge la seguente domanda: perché questa idea del bene è il perno di qualunque discorso pro-immigrazione? Semplicemente perché è la più spendibile agli occhi dell’opinione pubblica. Affermare che si trae dell’utile da un’azione morale, di natura diversa rispetto alla soddisfazione psicologica derivante dall’atto di aiutare qualcuno, equivale ad una confessione del proprio abietto egoismo, in quanto gli altri diventano un mero strumento per il conseguimento del proprio bene materiale. Si passa dall’essere disinteressato all’essere interessato. In questa cornice si possono individuare nello schieramento immigrazionista tre gruppi, i quali rappresentano tre ordini di interessi: economico, politico, geopolitico.

Li esporrò di seguito sinteticamente.

Interesse economico

Il partito comunista russo è tra i più strenui oppositori dell’immigrazione all’interno della Federazione. Il motivo? Hanno letto Marx. L’Unione Europea non offre la possibilità di svalutare la propria moneta nazionale per risultare più competitivi, l’alternativa è la riduzione dei salari. L’incremento della forza lavoro disponibile ad accettare livelli remunerativi più bassi costituisce, insieme alla deregolamentazione del mercato del lavoro, uno strumento efficace per questo scopo. L’immigrazione, a fronte di livelli di disoccupazione elevati e costanti, permette di mantenere basso il costo del lavoro sia nel breve che nel medio periodo, favorendo la competitività delle aziende italiane sul mercato internazionale. I capitalisti italiani possono mantenere in questo modo invariati i profitti e accumulare risparmi per gli investimenti. Non deve destare stupore il fatto che qualche noto esponente del mondo finanziario ed industriale italiano esprima sentimenti da buon samaritano e che, di fronte alla scelta morale di aiutare italiani in difficoltà o aumentare la spesa pubblica per il salvataggio e l’accoglienza degli immigrati, si dimostri a favore delle seconda soluzione. L’export rappresenta la salvezza dell’industria italiana, come dimostrato dalla crisi sofferta dalle aziende italiane orientate al mercato domestico. In questo senso, il loro obiettivo è mantenere la produzione in Italia per ragioni di prestigio, riducendo il costo del lavoro, poiché sul versante fiscale la situazione rimane inalterabile a causa di una finanza pubblica in difficoltà.

Non fermare il flusso ed assumere immigrati, sia come operai che come braccianti agricoli, rientra nell’interesse del capitalismo italiano, poiché la manodopera di riserva, a cui poter attingere senza alterare le condizioni di impiego, deve rimanere disponibile.

Interesse politico

La gestione dei centri di accoglienza è il più grande affare su cui i partiti politici di governo si sono avventati. Non si può affermare con indiscutibile certezza che già Letta ed Alfano, varando l’operazione Mare Nostrum, avessero intuito la portata dei proventi derivanti dagli affidamenti nella gestione dei centri. Tuttavia, il mercato dei centri di accoglienza pare che non rispetti le più elementari regole della concorrenza. Difatti, sussiste una forma di oligopolio costituito da cooperative d’ispirazione progressista e cattolica. Non si fa difetto, quindi, nell’assumere come verosimile l’esistenza di un cartello di partiti e società cooperative, che traggono un indiscutibile vantaggio economico dal fenomeno migratorio. Come dimostrato nel caso di Mafia Capitale o del Centro di Accoglienza di Mineo, il flusso di denaro proveniente dalle casse pubbliche viene in parte impiegato per il finanziamento dell’attività politica, tramite la creazione di centri di consenso formati sulla base dell’assunzione di personale, e come fonte di reddito integrativo per funzionari pubblici ed esponenti politici. In quest’ottica, la gestione dell’immigrazione permette una sintesi delle forme di corruttela conosciute nella prima e nella seconda repubblica. Se da un lato, l’attività politica viene sostenuta con la creazione di bacini elettorali legati al partito politico di riferimento della cooperativa che gestisce il centro, dall’altro, anche singole personalità possono ricavare un utile considerevole dal fenomeno.

Tutta la prosopopea sull’Europa, sull’Onu e sul diritto internazionale, cela in realtà l’assenza di volontà politica nell’arrestare il flusso migratorio, in quanto dietro di esso è nato un business che “rende più della droga”. I partiti al governo continueranno a rimandare la soluzione del problema, semplicemente perché non hanno alcuna intenzione di farlo, potendosi nascondere dietro le argomentazioni umanitarie, che riempiono il cuore di bontà a chi le ascolta e il portafoglio a chi le espone.

Interesse geopolitico

Partiamo da un assunto d’origine popolare: chi è sazio non può capire l’affamato. Dalla stessa condizione la visione delle cose risulta simile, la vicinanza più fattibile, l’utilizzo della persuasione meno necessaria. Le alleanze politiche in campo internazionale trovano ragion d’essere tra le forze che si ritrovano ad affrontare problemi analoghi. Gli Stati Uniti, fallito il tentativo di esportazione forzata del modello democratico-capitalistico dopo la vittoria nella guerra fredda, hanno la necessità di rinsaldare i legami, di proiettarli nello scenario delle sfide del terzo millennio. L’Unione Europea diventa lo spazio geopolitico sul quale impegnarsi per plasmare un continente che condivida non solo la stessa visione del mondo, ma anche le stesse dinamiche interne. Gli Usa, infatti, agiscono su due livelli: sul piano economico, per varare un accordo commerciale, il TTIP, che consacri il trionfo delle multinazionali nel blocco atlantico e obblighi alla deregolamentazione della produzione in Europa, e sul piano sociale, per un’alleanza che si basi sugli stessi valori e sullo stesso di modello di società multietnica. In questo senso, le ondate migratorie sono destinate a creare nel continente europeo una copia della società americana. L’alleanza atlantica si trasfigura, di conseguenza, in una concordanza di vedute sia in politica interna, che in politica estera.

Fenomeno migratorio: cui prodest 4.50/5 (90.00%) 2 votes

  • Riccardo Guerrera

    Analisi lucida e interessante delle cause di quella che sta diventando una pericolosa bomba atomica pronta ad esplodere in qualsiasi momento. Considerati gli interessi in gioco di varia natura analizzati nell’articolo, e le facce da culo che si stanno proponendo in questo momento a salvatori della patria, non sono per niente ottimista sul fatto che si riuscirà a contrastare in qualche modo questa invasione forzata. L’Europa poi se ne frega altamente di darci una mano, dimostrando totalmente l’inutilità di un unione messa esclusivamente in piedi per difendere interessi economici di chissà chi.